Ricerca personalizzata

lunedì 31 gennaio 2011

Conchiglioni ripieni gratinati

La settimana scorsa abbiamo avuto un'ospite speciale (la stessa per cui qualche mese fa ho fatto la torta maglietta) perciò io e mio marito abbiamo rubato la cucina a mia madre e abbiamo cucinato per una volta a modo nostro. Devo ammettere che questa volta lui ha lavorato più di me, visto che io ero impegnata fino al pomeriggio nel corso, preparando i ceci per l'hummus (li ha spellati uno a uno!!) e la parmigiana tutto da solo, ma il primo piatto è stato tutto mio.
L'idea mi è nata ricordando un pacco di pasta speciale che avevo comprato un po' di tempo fa (perchè se trovo qualcosa di speciale finisce magicamente nel carrello della spesa, poi si vede...) e con cui ho creato questi conchiglioni ripieni gratinati.


La ricetta non è certo di un'originalità esagerata però ho utilizzato la ricetta della salsa mornay (ossia una besciamella a cui si aggiunge un tuorlo d'uovo) che mi hanno insegnato al corso e che trovo molto interessante per le gratinature. Quindi addio besciamella della mamma e avanti con le ricette fatte come si deve :)



INGREDIENTI
Conchiglioni giganti 500g
Spinaci freschi ca.500g
Ricotta fresca 250g
Prosciutto cotto a dadini 200g
Salsa mornay da 80g di farina, 80g di burro, 1l di latte e 1 tuorlo d'uovo
Parmigiano q.b.
Burro q.b.
Noce moscata, pepe e sale q.b.



PROCEDIMENTO
Lessare gli spinaci dopo averli ben curati in acqua bollente salata e poi tritarli.



Sciogliere una noce di burro in una padella e passarci gli spinaci per qualche minuto.

Preparare quindi la besciamella in questo modo: sciogliere il burro con la farina non smettendo mai di mescolare per non formare grumi (salsa roux), mentre in un altro pentolino si porta il latte fino a ebollizione.



Dopo circa cinque minuti (tempo che serve alla salsa roux di amalgamarsi e prendere un po' di colore), versare pian piano il latte caldo nella salsa roux, continuando a mescolare. Lasciare addensare un attimo, aggiustare di sale, aggiungere una grattata di pepe e un bel po' di noce moscata e poi togliere dal fuoco.




A questo punto preparare la pasta, lasciandola molto al dente e passandola in acqua fredda dopo averla scolata per fermare la cottura. Lasciarla infine sgocciolare su un panno di cotone.



Quando la besciamella è per lo meno tiepida (meglio se completamente fredda) incorporare il tuorlo d'uovo, mescolando velocemente.



Piccolo intermezzo per ridere un po', vi faccio infatti vedere la mia solita eleonorata: mentre grattavo la noce moscata, la noce mi è ovviamente caduta nella besciamella bollente...vabbè amen, darà più sapore.
Bene, però non basta, mescolando velocemente dopo l'aggiunta del tuorlo ecco dove la noce è andata a infilarsi...non vi dico i santi che sono scesi quando ho dovuto farla uscire!!!! Fine intermezzo!



Andiamo avanti con il ripieno dei conchiglioni: amalgamare bene insieme gli spinaci, il prosciutto, la ricotta e il parmigiano grattuggiato (io ne ho messo 4/5 cucchiate belle colme) e procedere a riempire i conchiglioni uno a uno aiutandovi con un cucchiaino.





Dopo averli adagiati nelle pirofile, cercando di fare un lavoro migliore del mio possibilmente, ricoprirli con la salsa mornay.



A questo punto spolverizzare con il parmigiano e poi mettere qualche goccia di burro fuso. Garanzia per una gratinatura perfetta, credetemi!



Infornare a 180º per una mezz'oretta. Io ci ho messo molto più tempo perchè avevo una teglia sopra e una sotto, quindi ho dovuto cambiarle spesso di posizione e la gratinatura non è venuta come speravo. Il sapore era comunque ottimo, anche se decisamente non è un piatto leggerino, mi pare chiaro! Ogni piatto aveva due, massimo tre, conchiglioni, di più è veramente impossibile se si prevede di mangiare altro.




BUON APPETITO!

martedì 25 gennaio 2011

Torta al thè

Ohibò...è gia passata una settimana dal mio precedente post e per giunta sto tornando a postare solo dolci...vi verrà il diabete se continuo così!! Comunque non preoccupatevi queste due settimane sono state molto fruttuose dal punto di vista culinario quindi vi attendono tante ricettine carine.
Per ora vi accontentate di una semplice torta da colazione? Anzi meglio una torta da thè visto che ne è l'ingredienti principale...eh sì, ho provato anche io la torta al thè!


Non è che sia una torta di quelle con cui fare effetto, però il sapore è veramente particolare e poi si possono provare tutti i gusti di thè che più vi piacciono! E poi è semplice e ottima per un pomeriggio di noia o una colazione in famiglia.
Provare per credere!
Ho trovato la ricetta su questo blog e più o meno devo averla anche seguita del tutto, incredibile!! :-P



INGREDIENTI
Cioccolato 120g
Cacao 25g
Burro 150g
Zucchero di canna 150g
Zucchero vanigliato 1 bustina
Uova 2
Farina 170g
Lievito 1 cucchiaino
Acqua 15cl
Thè 1 bustina
Zucchero a velo per decorare



PROCEDIMENTO
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e preparare il thè in un pentolino.


Montare il burro con lo zucchero di canna e lo zucchero vanigliato, aggiungendo le uova una ad una.


Aggiungere poi la cioccolata fusa e raffreddata e infine la farina setacciata con il lievito e il cacao.


Terminare versando il thè e amalgamando il composto.


Mettere nello stampo e infornare a 180º fino a che la crosta della torta inizia a creparsi, oppure regolatevi con la prova dello stecchino.


Lasciare intiepidire e spolverare generosamente di zucchero a velo.


BUON APPETITO!

mercoledì 19 gennaio 2011

Torta maglietta

Mi sto imbarcando in una nuova impresa dolciaria, non complicatissima, ma difficile da incastrare tra il corso di biogastronomia, il/la bimbuz succhiatuttoquellochehoincorpo e le ultime uscite con il marito, che a fine mese mi riabbandona per almeno un mesetto.
Così, pensando anche ai vari dettagli della nuova torta, che per inciso mi è stata ordinata una settimana prima scarsa (il mio papino ha troppa fiducia nelle mie capacità!!!), mi sono ricordata di una torta fatta per una tifosa speciale per il suo compleanno, che quest'anno forse avrebbe volentieri non festeggiato. Ecco quindi la mia prima torta maglietta.


Come vedete...o almeno dovreste aver capito...la maglietta è quella del Brasile, la decorazione non è molto elaborata, anche perchè ho avuto molto poco tempo per fare il tutto, ma comunque la festeggiata è stata ben contenta! Sono poi molto orgogliosa dello stampo, perchè è stato un premio vinto grazie al contest "Evviva il calcio" di Made in kitchen e la mia torta a tema calcistico.
Ho voluto però postare la torta più che altro perchè ci sono due interessanti creme base: la crema di burro, usata al posto della panna come collante per il MMF, e la ganache al cioccolato bianco, utilizzata come farcia.
Scusate ma proprio non ricordo le fonti da cui mi sono ispirata, se qualcuno si riconoscesse, può scrivermi nel commento e subito lo segnalerò.



INGREDIENTI
Pan di spagna da 8 uova, 200g di zucchero e 200g di farina
Ganache al cioccolato bianco da 500g di cioccolato bianco e 500ml di panna fresca
Crema di burro da 250g di burro e 400g di zucchero a velo
Latte 1 bicchiere ca. come bagna
MMF e penna per decorare q.b.



PROCEDIMENTO
Preparare come al solito il pan di spagna, montando quindi le uova con lo zucchero fino a che il composto "scrive".


Setacciare e incorporare per bene la farina (prendete una boule della grandezza giusta, non fate come me!!!): mettere nello stampo e infornare fino a che non sarà cotto, purtroppo tempi e gradi dovete sperimentarli con il forno, io lo tengo intorno a 150º x 30'/40' e ci metto un po' di alluminio per evitare di bruciare la parte superiore della torta. 


Nel frattempo preparare la ganache: tritare il cioccolato, scaldare la panna e infine unire i due ingredienti mescolando fino a ottenere una crema liscia e omogenea. La ganache andrebbe tenuta in frigo il più possibile in modo tale che si rapprenda, la mia quando l'ho messa sulla torta era ancora troppo liquida, quindi se potete fatela magari il giorno prima.


Quando il pan di spagna è pronto lasciarlo raffreddare (sarà più facile tagliarlo) e poi dividerlo in due, quindi bagnare con il latte.


Mettere quindi la farcia, vedete com'era liquida la mia?


Preparare quindi la crema di burro: tagliare il burro a tocchetti e frullarlo nel mixer aggiungengo pian piano lo zucchero a velo fino a ottenere una crema omogenea; stoppare spesso il mixer per evitare di scaldare il burro.



A questo punto spalmare la crema di burro sulla torta.


Poi sistemare il MMF sopra alla torta dopo averlo tirato per bene con il mattarello.


Tagliare il MMF in eccesso e sistemare i bordi.


Decorare la maglietta e infine lucidare spennellando tutta la torta con dell'acqua, senza però esagerare altrimenti si scioglie tutto il colore!

Ecco la torta! Scusate le foto, ma non ho potuto fotografare la fetta e messa sul vassoio così proprio non mi è riuscita nemmeno una fotografia decente!


BUON APPETITO!

domenica 16 gennaio 2011

Ciambellone leggero ai mirtilli (no foto)

Ho un'amica conosciuta su uno dei siti di viaggi che frequento, che ha un blog di ricette leggere: ha infatti una gastrite cronica che non le permette di sgarrare più di tanto con l'alimentazione e quindi ha creato questo spazio virtuale dove aiutare chi soffre di questo tipo di problemi, inserendo ricette e consigli, tutti nati dalla sua esperienza diretta. Io purtroppo non ho certo una maniera di cucinare che la possa aiutare in questo senso, ma siccome ha indetto una raccolta interessante con protagonista uno dei frutti che più mi piacciono, ho deciso di partecipare con questo ciambellone leggero ai mirtilli.


Se qualcuno dei miei lettori si ricorda, avevo fatto l'estate scorsa un ciambellone simile, solo con il cacao e i lamponi; ho provato quindi a fare questa rivisitazione per il contest della mia amica ed è andata alla grandissima.



Certo i commenti nella mia famiglia di amanti del burro sono stati "ma sembra di non mangiare niente", "bisogna mangiare metà torta per fermare il languorino", etc.etc., ma io credo che sia comunque un buon modo per avere un dolce che non intacchi troppo una dieta e che ti tolga lo sfizio di qualcosa di dolce e goloso senza esagerare. E poi per una volta il sapore del mirtillo non era sopraffatto da altri mille sapori, quindi meglio di così, provare per credere!



INGREDIENTI
Farina 250g + 2 cucchiai
Zucchero 200g
Latte 350ml
Farina di mandorle 30g (troppo poca, la prossima volta meno farina normale, ma almeno 100g di questa)
Lievito 1/2 bustina
Bicarbonato 1 punta di cucchiaino
Sale un pizzico
Mirtilli 250g (io ho usato i freschi, ma anche con i congelati si può fare benissimo)



PROCEDIMENTO
Scaldare il latte in un bricco, senza arrivare al bollore.


Aggiungere tutti gli ingredienti secchi in una ciotola.


Aggiungere il latte a filo, senza smettere di mescolare. Io ho trovato il composto troppo liquido quindi ho aggiunto due cucchiai di farina, ma si potevano evitare tranquillamente.


Mettere nello stampo 3/4 dell'impasto, spargere i mirtilli e poi ricoprire con il restante impasto. Pensavo che i mirtilli scendessero durante la cottura, invece sono rimasti tutti al loro posto, quindi si può anche mettere metà dell'impasto prima e metà dopo.


Infornare a 180º per una mezz'oretta circa, controllando la cottura con uno stuzzicandente lungo.


Dopo averla lasciata intiepidire nello stampo (se di silicone), rovesciare la torta su un piatto ed eventualmente spolverizzare con zucchero a velo (io non l'ho fatto ed era buona lo stesso).


BUON APPETITO!

giovedì 13 gennaio 2011

Basmati speziato con zucchine, peperoni, carote, pollo e gamberetti (no foto)

Sono tornata! E non solo dal mio viaggio in Olanda (dove non ho mancato di strafogarmi di patatine fritte con maionese...con le parole della ginecologa che mi rimbombavano in testa "No fritti! No grassi!!"), ma anche nella voglia di fare e soprattutto di cucinare! Ho passato il maledettissimo primo trimestre e piano piano, ma molto piano piano, le nausee e la stanchezza iniziano a darmi tregua.
Poi mio marito è qua in ferie per un po' e mi torna la voglia di sperimentare e mangiare un po' a modo nostro, perchè se dovessi stare dietro alla mia famiglia mangeremmo sempre le solite tre cose.
Quindi ieri sera mi sono sbizzarrita e ho cucinato io, anche perchè volevo provare un mix di spezie che ho assaggiato e comprato in Olanda: arachidi e cocco, che danno un non so che di indiano. Niente di meglio perciò un buon riso basmati speziato con zucchine, peperoni, carote, pollo e gamberetti.


I colori di questo piatto sono fantastici e il profumo che si espande per casa è delizioso, soprattutto se amate il cibo speziato. Purtroppo il procedimento è piuttosto lungo, così per velocizzare il tutto ho passato prima le verdure al vapore qualche minuto, anche se proprio oggi ho scoperto, al corso di biogastronomia, che basta tagliare le verdure in un certo modo per farle saltare con il wok mantenendole al dente, ma non dure, proprio come fanno cinesi e giapponesi.
Sta di fatto che nessuno si è lamentato, anzi il riso è decisamente sparito anche se per cinque persone e mezzo (mia nipote!) era piuttosto abbondante.

Prima di lasciarvi alla ricetta aggiungo che con partecipo con questa preparazione partecipo al contest di Antonella con scadenza 15 febbraio.




INGREDIENTI
Riso basmati 500g
Gamberetti surgelati 200g
Petto di pollo 1 bello grande
Zucchine 2 medie
Carote 2 medie
Peperone giallo 1
Spezie a piacere (io ho usato curry, mix algerino 14 spezie, paprika semipiccante e il mix di arachidi e cocco)
Sale, olio e pepe q.b.



PROCEDIMENTO
Sbollentare in acqua bollente e leggermente salata i gamberetti fino a che salgono in superficie, metterli da parte mantenendo l'acqua di cottura.


Tagliare il petto di pollo a tocchettini, pulendolo dalle parti grasse.


Tagliare le carote a tocchetti o a bastoncini, come più vi piace, e passarle al vapore qualche minuto. Se avete quello in bambù meglio ancora, io devo comprarlo, ma ancora non l'ho trovato.


Stessa cosa fate per zucchine e peperoni, che potete fare insieme visto che più o meno hanno gli stessi tempi di cottura.


Passare quindi al riso basmati, che cuocerete per circa 10 minuti nell'acqua dove avete sbollentato i gamberetti (se non è abbastanza ovviamente rabboccate con acqua normale, ricordandovi di salare di conseguenza, non come ho fatto io!!),


A questo punto iniziamo con il wok: scaldate qualche cucchiaio di olio (io ho usato il mio aromatizzato al prezzemolo) e poi aggiungeteci per prima le carote.


Dopo circa 5 minuti potete aggiungere peperoni e zucchine e fare la prima salatura.


Quando le verdure iniziano a prendere colore aggiungete il pollo, fate una seconda salatura e iniziate a speziare, ma non esageratamente.


Dopo circa 5/10 minuti aggiungere il riso scolato e i gamberetti, assaggiate di sale e poi speziate a piacimento. Io adoro il curry quindi ne ho messo un cinque cucchiaini belli colmi, oltre alle altre spezie; il mix di arachidi e cocco invece è stato aggiunto dopo da chi voleva provarlo.


Quando si aggiunge il riso si dovrebbe aggiungere un po' di salsa di soia che io non avevo, quindi ho dato un'altra buona rabboccata di olio, che però potete tranquillamente aggiungere anche a freddo.
Amalgamate per bene tutti gli ingredienti e aggiustate di spezie, infine portate in tavola direttamente nel wok, che fa scena ;)


BUON APPETITO!