Ricerca personalizzata

mercoledì 11 dicembre 2013

Cupcake albero di Natale

Qui siamo in piena fase di goûter de Noel, ossia merende di Natale per incontrarsi, fare quattro chiacchiere, salutarsi prima delle feste. Solitamente regna il "ognuno porta qualcosa" e ieri per la goûter alla creche dei bimbi ho deciso di fare questi carinissimi cupcake albero di Natale.


La base di questi cupcake, che ormai è entrata a far parte senza ombra di dubbio tra le mie ricette base preferite, era quella che avevo utilizzato per i cupcake con il frosting al burro rosa del battesimo di Serena, che però non ero riuscita a postarvi causa mancanza di foto decenti.


Stavolta ho utilizzato per la prima volta un frosting al formaggio e mi è piaciuto di più rispetto a quello al burro che trovo sempre un po' troppo pesantuccio.
Unica pecca: il colorante era poco e quindi il verde è un po' sbiaditino, ma sapevano comunque il fatto loro.


Mi sono piaciuti un sacco come sono venuti, si nota?? :)) E che dire, se non che hanno fatto faville tra grandi e piccini? Tanto che ho deciso di riproporli per la goûter del corso di francese.
E come ricompensa ho ricevuto i primi lavoretti di Natale dei miei nani...amore a fiumi...e soprattutto si inizia a metter via fregnacce che andranno ad accumularsi anno dopo anno, fino a che potrò tirarli fuori con loro orrore davanti ad amici e/o fidanzati...lo so, sono una mamma diabolica, ma durante le notti insonni, devo pur pensare al modo di vendicarmi senza lanciarli dalle finestre no??



INGREDIENTI
Per i cupcake
Cacao in polvere 25g
Acqua bollente 100ml
Uova 1
Farina 90g
Zucchero (io quello mio vanigliato) 100g
Burro 95g
Lievito 1 cucchiaino raso
Sale un pizzico

Per il frosting (con queste quantità a me ne è rimasto parecchio, quasi la metà, e l'ho congelato)
Formaggio spalmabile tipo Philadelphia 150g
Zucchero a velo 300g
Burro 50g

Per decorare
Colorante verde
Palline colorate (le mie erano anicini, ma sarebbero ottime al cioccolato)
Stelline di zucchero



PROCEDIMENTO
Sciogliere il cacao nell'acqua bollente.


Mescolare una parte del composto di cacao con le uova.


In un'altra ciotola invece unire la farina, il lievito, lo zucchero (precedentemente mescolati insieme), il burro a tocchetti e il resto del composto al cacao.


Quando il composto sarà ben amalgamato, unire le uova in due riprese, continuando a mescolare con il frullino.


Riempire gli stampi per cupcake a 3/4


Infornare in forno caldo a 160º per 20'/25' fino a che, alla prova dello stuzzicadente, questo risulterà asciutto.


Ricordatevi di mettere il frosting sui cupcake solo quando questi saranno completamente raffreddati.
Per preparare il frosting, gli ingredienti dovranno essere a temperatura ambiente. Iniziate con il montare a crema il burro.


Aggiungere poi il formaggio spalmabile (se usate i panetti piccoli sono più sodi e potrete anche risparmiarvi il burro, qui in Francia purtroppo non esistono) e, a più riprese, lo zucchero a velo.


Lasciate riposare in frigo 15 minuti almeno e poi aggiungete il colorante.


Per ottenere l'effetto "albero" usate nella sac a poche il beccuccio a forma di stella, partite dal centro del cupcake e mentre schiacciate, muovetevi dritti verso l'alto. Più facile a farsi che a dirsi, giuro!!


Prima di decorarli io li ho lasciati riposare un po' in frigorifero, ma se vedete che sono abbasanza sodi potete farlo direttamente.
Mettete prima le palline a pioggia e poi, su ogni punta, una stellina.



Conservateli in frigorifero un paio di giorni al massimo.


BUON APPETITO!

lunedì 9 dicembre 2013

Quiche salmone e gamberetti

Potrei elencarvi innumerevoli ragioni per essermi assentata così tanto, metà delle quali ovviamente c'etrano i miei pargoli, ma non voglio tediarvi.
Sappiate solo che sto per affrontare il Natale più brutto degli ultimi anni, con Elia lontano e tutto quello che ne implica. Ma...perchè insomma qualcosa di buono c'è sempre, bisogna solo scovarlo...la mia au pair è fantastica, quasi un'amica, e se tutto va bene a marzo vado a trovare il maritozzo niente popò di meno che ...alle Seychelles!!! In compagnia ovvio della detta au pair - ragazza fortunata - che sennò rischio di impazzire con i due nani e un volo aereo intercontinentale con scalo!
Questa settimana poi sono in fermento, tante merende e festicciole natalizie, tanti dolci da prepare (stay tuned...adoro questa frase!!!), tante persone da salutare prima del ritorno in patria per le feste. Tra l'altro non volevo nemmeno fare l'albero visto che starò via dal 21 dicembre al 7 gennaio, ma lo spirito natalizio ha prevalso e quindi ora sono in perenne lotta con gatto e nano numero due che cercano di sabotarmelo ogni santo secondo!
Per ora vi lascio con una ricetta di qualche tempo fa, nata un po' per caso, ma che è piaciuta davvero un sacco e che quindi ripropongo spesso: quiche salmone e gamberetti.


Adoro le quiche, ne ho postate diverse qui sul blog (le trovate elencate nella sezione torte salate), mi piace il sapore formaggioso e uovoso, mi piace il poter utilizzare gli ingredienti che m'ispirano al momento, mi piace perchè le preparo in un attimo e mi piace perchè piacciono sempre!
Questa poi ha un ripieno ricco, secondo me adatto anche a un pranzo con invitati e, perchè no, magari anche per Natale o santo Stefano, un modo diverso di proporre il salmone invece che sui soliti crostini ;)



INGREDIENTI
Gamberetti 200g (quantità variabile secondo il vostro gusto)
Salmone 500g (anche qui quantità abbastanza indicativa)
Ricotta 250g
Uova 2
Pasta sfoglia 1 rotolo
Formaggio grattuggiato 2 cucchiai abbondanti per il ripieno + q.b. per la copertura
Timo, olio EVO, sale e pepe q.b.



PROCEDIMENTO
Sbollentare i gamberetti in acqua bollente, sia che siano freschi, sia che siano congelati.


Nel frattempo tagliare il salmone a tocchettini e passarlo in padella con un filo di olio EVO, un pizzico di sale e abbondante timo.


Stendere la pasta sfoglia e bucherellarla con una forchetta. Lasciarla poi riposare una decina di minuti prima dell'utilizzo.


Quando il salmone sarà abbastanza cotto da sfaldarsi al tocco, metterlo in una ciotola insieme a gamberetti, ricotta e uova e mescolare il tutto.


In una tortiera da crostata mettere la pasta sfoglia e riempirla con il composto, spolverare con il formaggio grattato e chiuderei bordi come in fotografia.


Infornare in forno caldo a 180º fino a che la pasta sfoglia è ben dorata. Servire dopo aver lasciato raffreddare qualche minuto.


BUON APPETITO!

giovedì 14 novembre 2013

Pasta con sugo di castagne e pancetta

Anche qui finalmente pare arrivato un po' di freddo, non che io lo ami particolarmente, ma a metà novembre mi aspetto di uscire almeno con una maglia maniche lunghe, mentre qui fino alla settimana scorsa le maniche corte erano più che sufficienti.
Comunque complice questo freddo e ventoso weekend e un sacchetto di castagne che hanno fatto gola a mio marito, ne è uscita una stupenda pasta con sugo di castagne e pancetta.


Io ho usato, come tipo di pasta, questi fusilli lunghi bucati, ma anche delle mezze maniche andranno benissimo.
Piccola novità: da domani arriva la ragazza alla pari spagnola (anzi catalana) che rimarrà con noi durante i 4 mesi di assenza di mio marito e, chissà, magari anche oltre. Sarà un'esperienza nuova e magari mi insegnerà qualche tipico piatto catalano...



INGREDIENTI
Castagne 400g
Pancetta 200g
Vino bianco secco 1 bicchiere
Burro una noce
Alloro 2 foglie
Semi di garofano 2
Pasta 80g a testa (non di più, che il sugo è bello sostanzioso)
Acqua bollente salata per cuocere le castagne e la pasta
Ricotta salata e pepe q.b.



PROCEDIMENTO
Spellare le castagne e metterle a cuocere in abbondante acqua salata con due foglie di alloro.



Quando sono abbastanza morbide (ci vorrà almeno un'oretta), tirarle via dal fuoco, togliere l'alloro e passarle con il mixer a immersione, lasciandone alcune integre.
Mettere poi la noce di burro a sciogliere e unirci la pancetta.


Quando la pancetta inizia a sprigionare il suo caratteristico odore, aggiungere le castagne, i semi di garofano e mescolare per qualche minuto, poi aggiungere il vino e tappare, lasciando cucinare a fuoco non troppo alto.


Nel frattempo cucinate la pasta in un'altra pentola.


Quando la pasta ha quasi terminato la cottura, scolarla e finire la cottura insieme al sugo di castagne e pancetta.


Servire spolverando con ricotta salata (io ho usato il parmigiano, ma per contrastare il dolce delle castagne, la ricotta salata è decisamente il top) e un'abbondante grattata di pepe.


BUON APPETITO!

sabato 9 novembre 2013

Muffin con ricotta, farina di mandorle e noci

Il signor Ikea, ormai, mi conosce e ci andiamo pure a bere il caffè insieme il sabato pomeriggio. Eh sì, perché a dover arredare una casa il più velocemente possibile e al prezzo più conveniente non si può che scegliere Ikea, soprattutto quando è a 5 minuti da casa e i tuoi nani impazziscono per le polpette!!
Quindi stupore e gaudio ieri, quando al nostro ultimo giro d'acquisti (per un armadio e speriamo sia l'ultimo sul serio!), ho notato che il signor Ikea ha seguito il mio consiglio :)) e ha messo in commercio...stampi in silicone!!!
Comprati e subito provati per questi spettacolosi muffin con ricotta, farina di mandorle e noci.



Per la merenda di oggi abbiamo avuto ospiti grandi e piccini, quindi ho pensato a qualcosa senza cioccolato (non tutti danno il cioccolato a bimbi piccoli), ma comunque goloso e che soprattutto mi potesse far usare i succitati stampi :)
Ho raffazzonato varie ricette e un po' di fantasia e n'è uscito qualcosa di spettacolare, provare per credere!



INGREDIENTI
Farina 150g
Farina di mandorle 50g
Zucchero 150g
Lievito 1/2 bustina
Uova 2
Burro 100g
Ricotta 150g
Gherigli di noci tritate grossolanamente (io l'ho fatto con le mani) 20
Bicarbonato 1/2 cucchiaino



PROCEDIMENTO
Come per ogni preparazione di muffin, mettere gli ingredienti secchi in una ciotola e quelli umidi nell'altra.
Io ho messo li burro a temperatura ambiente a tocchetti, ma potete anche scioglierlo a bagnomaria o a fuoco lento e incorporarlo na volta raffreddato. Le noci invece le ho unite alla fine.


Mescolare gli ingredienti umidi in modo che si amalgamino e poi aggiungere quelli secchi.


Alla fine aggiungere i gherigli di noci.


Mettere negli stampi aiutandosi con due cucchiai (il comporto è abbastanza compatto).


Cuocere a 180º per una ventina di minuti o almeno fino a che si dorino in superficie.
Per chi se lo chiedesse, la prova stampino Ikea è stata superata alla grandissima ;)


BUON APPETITO!

mercoledì 6 novembre 2013

Polpettone di mano mostruosa

Finalmente una ricetta fatta recentemente, non più rimasugli ritrovati nel computer, questa infatti è la prima ricetta fotografata con la macchinetta nuova del maritozzo, una compatta subacquea che si porterà in navigazione e che quindi posso usare solo fino a fine novembre, aspettando di andare dai miei per poter usare quella mia, una mirrorless nuova genereazione, non una reflex, ma sicuramente una macchinetta che mi darà un po' di soddisfazioni per questo blog.
Insomma per un mesetto avrete ricette fresche fresche e sono così contenta che non potevo esimermi dal postarvi questa ricetta di Halloween (che per altro io adoro), anche se in ritardo di qualche giorno. Tenetela in serbo per il prossimo anno perchè davvero merita: polpettone di mano mostruosa!!


Fondamentalmente è un semplice polpettone e quindi potrete utilizzare la ricetta che più vi garba, dovrete solo poi dargli una forma di mano e cospargerlo di formaggio in modo che con la cottura sembri poi una manona bruciata.
Per renderlo ancora più veritiero potrete mettere le unghie (pezzo di formaggio, cipolla o sottilette fuori dal forno però) e l'osso che sporge (con cipolla o una patata), insomma sbizzarritevi!!
Io vi metto la ricetta che ho utilizzato questa volta, ma potete anche seguire questa ricetta oppure quella che più preferite.
Noi con queste quantità abbiamo mangiato bene in 4 adulti e 3 nanetti ;) accompagnate con patate al forno.



INGREDIENTI
Carne macinata di vitello 600g
Salame di suino 400g
Uova 2
Pane raffermo 1/2 baguette
Latte per ammollare il pane q.b.
Formaggio grattuggiato per la copertura q.b.
Sale e pepe q.b.
Olio per oliare la teglia



PROCEDIMENTO
Dividere il pane e metterlo in una ciotola con del latte per qualche ora in modo che si ammorbidisca.


Aggiungere poi la carne, il salame tritato e un po' di formaggio grattuggiato, insaporire con sale (io quello misto spezie) e pepe, infine mescolare con le mani fino ad amalgamare bene il tutto.


A questo punto compattare il polpettone e metterlo in una teglia oliata dove darete all'insieme la forma di manona.
Cospargere la mano, con il formaggio grattuggiato, non lesinate sennò l'effetto bruciatura non viene.


Infornare in forno caldo a 180º per almeno un'oretta. Servire infilzandolo scenograficamente con un coltello :)


BUON APPETITO!

lunedì 21 ottobre 2013

Sformato di miglio senza uova

È passato quasi un mese, mille peripezie, ma di macchine fotografiche nemmeno l'ombra :( quindi mi sono arresa e sono andata a scovare un'altra ricetta nel meandro dell'archivio di foto che ho sul computer e ne è saltata fuori una niente male, versatile, svuota frigo e che quasi quasi rifaccio uno di questi giorni, perchè m'ispira assai: sformato di miglio senza uova.


Ultimamente poi sto provando un sacco di ricettine interessanti, non sapete che rabbia non poterle fotografare e postare!! Il marito ha paventato l'idea di fotografare con il cellulare, ma già le mie foto non sono granchè visto che mi tocca farle in velocità e la sera con luce scarissima, manca solo che le faccio con il cellulare! No, aspetto, verranno tempi migliori anche per il mio blog :)


E voi, miei cari lettori, mi seguite lo stesso, anche se posto poco e posto pure ricette vecchie? Dai non mi abbandonate!!



INGREDIENTI
Melanzana 1 piccola
Cimette di 1 broccolo piccolo
Pomodorini 5/6
Formaggio tipo asiago, latteria, provolone ca.100g
Miglio 200g
Brodo doppio volume del miglio (io ho usato l'acqua di cottura del broccolo)
Formaggio grattuggiato q.b.
Olio q.b.



PROCEDIMENTO
Tagliare a cubetti la melanzane e cuocerla in padella con un filo d'olio e un pizzico di sale.


Cuocere le cimette dei broccoli a vapore, tenendo poi da parte l'acqua di cottura.


Aggiungere alle melanzane i pomodorini tagliati in quattro.


Mettere il miglio nel brodo bollente o, come ho fatto io, nell'acqua di cottura dei broccoli e lasciarlo gonfiare.


Tagliare a cubetti il formaggio.


Aggiungere alle melanzane le cimette dei broccoli, continuando a cuocere a fuoco basso. Per mantenere l'umidità, cucinare con un coperchio.


Aggiungere poi il formaggio e mescolare per qualte minuto, giusto il tempo di far sciogliere un po' il formaggio.


Ultimo step: aggiungere il migliore e un filo d'olio, infine mescolare per bene.


Mettere in una pirofila, schiacciando bene il composto.


Grattuggiare del formaggio (grana o parmigiano) e infornare a 180º per il tempo necessario a formare una bella crosticina in superficie.



Lasciare raffreddare 5 minuti e poi servire.


BUON APPETITO!